Siamo piccoli ma…

È di oggi, 4 gennaio 2019, l’articolo pubblicato su Il Giornale di Arona che riporta la notizia del raddoppio delle iscrizioni nel settore giovanile della nostra società.

È un risultato di cui siamo fieri e che è uno dei primi frutti di un percorso iniziato a luglio.

La scelta di Giuliano Cherchi come Direttore Sportivo è stata determinante per la riuscita del progetto su cui stiamo investendo moltissimo, in termini di risorse e di tempo. Cherchi, vogliamo ricordarlo, è stato Osservatore del settore giovanile del Parma e del Torino negli anni dal 1992 al 2006, maturandovi un’esperienza preziosa nella valutazione dei piccoli calciatori. In anni più recenti, fra il 2013 e il 2015, ha ricoperto il ruolo di Direttore Sportivo della Virtus Cusio, quando la società rossoverde vinse il campionato di Promozione e la Coppa Italia. È stato lui a volere Elena Colombo, dirigente anch’ella della società, come responsabile del settore giovanile. Vulcano di idee e iniziative, è diventata una colonna portante della struttura, e molti dei risultati ottenuti si devono proprio al suo instancabile impegno.

La collaborazione con l’Atalanta calcio, tra le  migliori società italiane nel settore giovanile, partita lo scorso luglio, è anch’essa merito del prezioso lavoro del nostro Direttore Sportivo. Ed è anche merito degli allenamenti collettivi con le squadre affiliate all’Atalanta cui partecipano i nostri ragazzi se le prestazioni dei piccoli biancoverdi sono in continuo miglioramento. Collaborazione proficua per il nostro settore giovanile, che mira a risultati sempre più performanti.

Un evento di cui siamo poi particolarmente fieri è stata la selezione di Fabio Shaqja, classe 2005, convocato dalla Nazionale Under 15 albanese per uno stage.

La strada da fare è ancora tanta, ma la voglia di raggiungere vette sempre più alte sposta l’asticella sempre più in là.

Perché se è vero, come recita la canzone cantata dal bravo Renato Rascel qualche “annetto” fa, che “siamo piccoli”, è anche vero che “cresceremo, e allora, virgola, ce la vedremo”.

Ma, nel frattempo, “dateci del lei”!

anna maria esposito

addetta stampa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *